Cancro

Terapie complementari per il cancro

Le terapie complementari per il cancro costituiscono un’integrazione rispetto alla medicina convenzionale, che prevede interventi chirurgici, radiologici e chemioterapia, Le terapie complementari non devono quindi essere considerate trattamenti alternativi.

Il trattamento complementare del cancro si pone un triplice obiettivo:

1. Il miglioramento della qualità della vita durante e dopo le terapie radicali (bisturi, radioterapia e chemioterapia) e l’intensificazione del successo terapeutico delle terapie stesse.

2. Il prolungamento della vita in assenza di metastasi (la diffusione delle cellule cancerose da un tumore primario, che può verificarsi anche se il tumore primario è stato asportato).

3. Il prolungamento dell’aspettativa totale di vita grazie a trattamenti immunologici e supportivi, misure dietetiche e sostegno psicologico.

Ciascun paziente ha il diritto di decidere come desidera essere curato e da chi. Per questo motivo è opportuno parlare con il vostro medico a proposito dei trattamenti biologici e complementari del cancro. In base alla mia esperienza ritengo che una discussione aperta sia costruttiva nella maggior parte dei casi e consenta spesso di ottenere lo scopo, ovvero la terapia complementare insieme a quella convenzionale.

Date le possibili interferenze ed effetti collaterali è ESSENZIALE parlare con i medici curanti circa l’assunzione di rimedi alternativi, complementari o biologici. Non è il caso di esitare, si tratta del vostro corpo! Anche i farmaci che non richiedono ricetta hanno un effetto, non considerateli innocui solo perché si tratta di specialità da banco.

Le terapie biologiche o complementari non devono essere assunte di propria iniziativa, bensì devono essere basate sulle approfondite conoscenze del vostro terapista!

In realtà nessuno può guarire il cancro, salvo il malato stesso. Un terapista può sostenere la vostra speranza e aiutarvi ad affrontare la vostra paura, ma non dovrebbe mai spingersi fino a fare promesse di guarigione. Inoltre bisogna stare molto in guardia quando i medici assicurano che il loro metodo può guarire. Chiedete sempre i dati statistici oltre ai pro e contro del trattamento.

I metodi biologici/complementari non costituiscono un’alternativa al bisturi, al trattamento radiologico o alla chemioterapia. Inoltre non funzionano bene come monoterapie (per esempio solo vischio o solo tisana di Cat’s Claw ( Una de Gato). Ciascun paziente necessita di un concetto personalizzato di trattamento.

Noi siamo specializzati nello sviluppo di programmi di trattamento personalizzati grazie all’uso della diagnosi olistica e dei risultati degli esami clinici e di laboratorio.

La terapia di prima scelta é sempre la microimmunoterapia.

Ricerca scientifica sulla microimmunoterapia ed’ il cancro Ricerca sul cancro (pdf)

Share